viaggioxte la tua vacanza su misura Grecia
Grecia > Peloponneso - Messinia
Richiedi info
Amorgos
Andros
Atene
Calcidica
Citera
Chios
Creta
Dodecanesso
Epiro
Eubea
Folegandros
Fourni
Ikaria
Hydra
Larissa
Lefkada
Meganisi
Milos
Mykonos
Naoussa
Naxos Cicladi
Paros
Patmos
Paxoi
Peloponneso-Messinia
Peloponneso on the road
Piccole Cicladi
Rodi
Samos
Santorini
Serifos
Sifnos
Sikinos
Siros Ermoupolis
Skiathos
Skiros
Sporadi-Alonissos
Tinos
Zante
Sponsor - dormire
  Le olive e l'olio extravergine (DOP)
15.863.000 alberi di ulivi, 890.000 ettari e 50 varieta' di piante coprono la terra di Messinia. L'ulivo e' la pianta piu' antica coltivata in Grecia. Per una maturazione ottimale, i suoi frutti prediligono una estate calda e secca, qualche forte acquazzone in autunno e temperature invernali piuttosto miti. Ovunque nel Peloponneso sono ancora in uso gli antichi frantoi, la cui pesante macina di pietra che tritutra le olive veniva mossa dagli asini. Una tradizione ancora viva in Messinia dove ogni famiglia possiede un uliveto, alla cui raccolta di olive tutti si dedicano da Novembre a Febbraio. Le olive di Kalamata (varieta' Kalamon) e del Mani, insieme all'olio di Koroni sono considerati i migliori di tutto il Paese.
  Le strade dell'olio
La Camera di Commercio della regione di Messinia, con l'Unesco dal 1999 organizza a Messinia, un incontro culturale con tutti i paesi del Mediterraneo, produttori di olio.Dall'antica Pilo dal 10 al 13 Luglio 2008, partiranno migliaia di motociclisti da tutto il mondo che percorreranno le antiche "Strade dell'olio", fino all'antica Olimpia, con direzione Asia. Passeranno attraverso le "Vie della Seta" per concludere il viaggio a Pechino e consegnare la fiamma olimpica con il ramoscello di ulivo, simbolo di pace ed amicizia.
  Da vedere
Paesaggio meraviglioso, il sud si adorna di colori oro e blu, campi di pomodori, chilometri di uva stesa sui teli al sole per appassire.
Pilos (baia di Navarino) uno dei porti naturali piu' belli della Grecia, con porticati ottocenteschi. Questo il punto per tuffarsi nella Grecia profonda, nella terra Omerica e Micenea. Qui Karl Blegen negli anni trenta scavo il palazzo di Nestore ossia una reggia micenea. Scoperte tra le altre cose anche 1000 tavolette di argilla scritte in Lineare B con il simbolo dell'ulivo la cui decifrazione ha permesso di confermarel'origine greca della civilta' micenea.
Voithokilia spiaggia immensa e dorata, quasi una laguna chiusa da pareti di roccia, alle cui spalle si apre un lago popolato da aironi, รจ lunga piu' di 15 km.
Stomio poco oltre Filiatra, isolata da tutto rappresenta la spiaggia ideale.
Methoni uno degli "occhi della Serenissima", agganciata alla terraferma da un lungo ponte.
Koroni l'altro occhio , nel golfo messenico, una roccia aggrappata ad una ripida scogliera, posta tra il porto della citta' e la magnifica spiaggia di Zanga, rifugio per le tartarughe caretta caretta, di sabbia finissima circondata da acque trasparenti.
Mani penisola che non e' caduta sotto il dominio di San Marco.
Stoupa e Kardamili paesini con insenature mozzafiato!
Kalamata apoluogo di Messinia, con 170.000 abitanti, gode di una lunghissima spiaggia di sabbia. Da qui potete seguire un itinerario verso le "Grotte di Dirou" a capo Tenaro, che gli antichi indicavano come l'Ade.
Luxury: per chi ama l'eleganza
Come arrivare
Da Partasso 3 ore e mezza di auto o con l'aereo a Kalamata.
Spiagge
140 km. di coste: Marthopolis, Gargaliani, Filiatra, Kiparissia, Stomio.
al Sud: Bouka, Finikounda (surf e barche a vela), Methoni (surf), Koroni, Zanga.
Vicino a Kalamata: Stoupa, Kardamili, Leuktro.
viaggioxte (c)2008 by Viaggioxte - Albo Giornalisti n. 123918 (MI)
Tutti i diritti riservati; vietata la riproduzione anche se parziale.
viaggioxte